Biotech Week 2023

La Biotech Week è una settimana di eventi e manifestazioni volte a raccontare le innovazioni in ambito biotecnologico ad un pubblico eterogeneo, sottolineandone il ruolo chiave nella vita di ciascuno di noi

0
108
BIOTECH WEEK 2023

Ha inizio oggi 25 settembre 2023 sino al 1 ottobre l’undicesima edizione della BIOTECH WEEK, un evento globale che coinvolge quattro continenti con manifestazioni e attività dedicate al mondo delle biotecnologie.

La Biotech Week italiana, presente anche quest’anno con oltre 80 appuntamenti in calendario, nel 2015 aveva ottenuto la medaglia del Presidente della Repubblica e conferma il patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati.

L’obiettivo di questa grande iniziativa è raccontare ad un pubblico vasto ed eterogeneo i vari settori in cui si applicano le biotecnologie: le terapie e la diagnostica ma anche l’agroalimentare, così come le energie rinnovabili; applicazioni che indubbiamente hanno il ruolo fondamentale di migliorare la vita di ognuno di noi.

Questa manifestazione scientifica nasce in Canada nel 2003 e grazie a EuropaBio – Associazione della bio-industria europea nel 2015 è arrivata nel nostro continente, cogliendo l’occasione del 60° anniversario della scoperta della struttura DNA. La manifestazione è diventata “global” nel 2016, portando tutti i continenti nella stessa settimana a celebrare eventi e conferenze sul tema delle biotecnologie.

Tutti gli eventi della Biotech Week sono gratuiti, qui il programma di questa settimana:

programma-biotechweek-2023

Un estratto dalla dichiarazione di Marcello Cattani, presidente di Farmindustria: “Il 45% dei 20.000 farmaci in sviluppo nel mondo è di origine biotecnologica e una percentuale analoga si riscontra per gli studi clinici in Italia. Una quota destinata a crescere nel futuro. L’innovazione dell’industria farmaceutica sta vivendo un momento di grande accelerazione, anche grazie al contributo che la digitalizzazione e l’Intelligenza Artificiale offrono ai ricercatori così da raggiungere traguardi importanti per un numero sempre maggiore di patologie”.