Covid-19, Roche punta su una start-up

0
408
Accordo tra Roche e Atea Pharmaceuticals

AT-527 è un farmaco orale sviluppato da Atea Pharmaceuticals per il trattamento di Covid-19  e attualmente è in fase 2 di sperimentazione in circa 190 pazienti ospedalizzati con Covid-19 moderato. Uno studio di fase 3 è previsto per la prima metà del prossimo anno ed è in programma anche un secondo studio per verificare se il farmaco può essere utilizzato per prevenire il contagio. Roche ha annunciato che acquisterà da Atea Pharmaceuticals i diritti parziali sul farmaco antivirale sborsando 350 milioni di dollari cash.

Come funziona AT-527

AT-527 è un profarmaco di un analogo della guanosina (il remdesivir è un profarmaco di un analogo dell’adenosina) a somministrazione orale progettato per inibire l’RNA virale RNA polimerasi dipendente. In passato ha già dimostrato sia in vitro che in vivo attività contro diversi virus Rna a singolo filamento con involucro, tra cui flavivirus umani e coronavirus. Studi clinici di fase 2 su pazienti affetti da epatite C e test preclinici in vitro con il virus SARS-CoV2 hanno dimostrato attività antivirale e sicurezza del farmaco.

Un mercato da 20 miliardi

Atea Pharmaceuticals non è quotata in borsa e gli asset dichiarati si aggirano intorno ai 120 milioni di dollari. All’inizio del mese di ottobre, però, la società ha annunciato l’intenzione di avviare un’IPO (operazione nella quale una società offre per la prima volta al pubblico parte dei suoi titoli) con l’obiettivo di raccogliere altri 100 milioni di dollari. In seguito alla notizia dell’accordo Atea ha depositato la richiesta ufficiale con un obiettivo a 253 milioni con una valutazione giudicata “eccessiva” dagli analisti.

Sebbene il mercato globale per un trattamento efficace contro Covid-19 potrebbe valere ben oltre i 20 miliardi di dollari all’anno, i pur positivi risultati clinici finora raggiunti da Atea non giustificano una quotazione così elevata (mediamente 23 dollari ad azione).

I concorrenti del resto non mancano a partire da Gilead che è riuscita a far approvare il suo Veklury (remdesivir) dalla Food and Drug Administration. Tra i principali protagonisti nella corsa ai trattamenti anti-Covid vi sono:

  • Gilead Sciences
  • Fujifilm Pharma
  • Ridgeback Biotherapeutics
  • Regeneron Pharmaceuticals
  • Eli Lilly