Farmacovigilanza, AIFA pubblica il primo report sui vaccini anti Covid-19

Primo rapporto AIFA sulle reazioni avverse ai vaccini anti COVID-19, l'aggiornamento dell'agenzia sarà mensile

0
577
farmacovigilanza vaccini anti Covid 19

L’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), ha pubblicato il primo rapporto riguardante la farmacovigilanza sui vaccini anti COVID-19.

Si tratta del primo documento che raccoglie tutte le segnalazioni fatte alla Rete Nazionale di Farmacovigilanza e riguardanti possibili reazioni avverse manifestate da chi ha ricevuto il vaccino contro SarS-CoV-2 nel periodo tra il 27 dicembre 2020 e il 26 gennaio 2021. Da qui in avanti, Aifa aggiornerà il suo dispositivo con scadenza mensile.

Le reazioni avverse vaccinali riguardano nel 99% dei casi il vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech (autorizzato da Aifa il 22/12/2020 e utilizzato per la campagna vaccinale dal 27/12/2020) e, nell’1% dei casi, il vaccino prodotto da Moderna (autorizzato da Aifa il 07/01/2021 e impiegato dal 14/01/2021).

La stragrande maggioranza degli effetti indesiderati segnalati riguarda quindi il vaccino di Pfizer/BioNTech sviluppato con la nuova tecnologia basata su RNA messaggero.

I dati di farmacovigilanza

In totale, sono state 7.337 le segnalazioni fatte alla Rete Nazionale di Farmacovigilanza e sono relative a 1.564.090 dosi di vaccino inoculate, ossia 469 ogni 100.000 somministrazioni per via intramuscolare. Nel 92,4% dei casi, le reazioni manifestate non sono state di grave entità e consistono in:

  • febbre

  • dolore nella sede di iniezione del vaccino

  • stanchezza

  • mialgie (dolori muscolari)

In particolare, dopo somministrazione di Comirnaty si sono manifestati sintomi quali

  • parestesie

  • disturbi del gusto

  • cefalea

  • vertigini

  • sonnolenza

Dopo somministrazione del vaccino di Moderna si sono verificati invece prevalentemente:

  • nausea

  • dolori addominali

In generale, la febbre è comparsa soprattutto dopo l’erogazione della seconda dose di vaccino, mentre, sotto l’aspetto cronologico, il rapporto Aifa segnala che gli eventi avversi segnalati sono comparsi nell’85% dei casi il giorno stesso della vaccinazione o durante il giorno successivo.

Notizie tranquillizzanti sulla sicurezza del vaccino di Pfizer/BioNTech, dunque.