Accordo per produrre a basso costo farmaci antivirali

L'antivirale molnupiravir verrà prodotto da 27 aziende specializzate a un prezzo contenuto che permetterà la fornitura a 105 Paesi in via di sviluppo

0
386
Accodo Medicines Patent per distribuzione antiviraliPool

Buone notizie per i Paesi del mondo che hanno un basso/medio reddito. Il Medicines Patent Pool (MPP) ha infatti comunicato di aver stipulato un accordo con diverse aziende che producono farmaci generici in modo da ottenere, a basso costo, medicamenti antivirali contro SARS-CoV-2, il coronavirus responsabile della pandemia di COVID-19 che sta imperversando in tutto il pianeta.

In questo modo, molte Nazioni che non sono dotate di grandi mezzi economici potranno ottenere le medicine a un prezzo accessibile e saranno in grado di combattere le infezioni in modo più efficace.

Molnupiravir per 105 Paesi in via di sviluppo

In particolare, MPP ha sottoscritto, nel mese di ottobre del 2021, un accordo di licenza con MSD, la società conosciuta nel resto del mondo al di fuori di Canada e Stati Uniti come Merck & Co., Inc, che ha sede a Kenilworth, NJ, USA.

In base a quanto concordato, molnupiravir, l’antivirale per la cura di COVID-19 che Merck sta sviluppando assieme alla società biotech statunitense Ridgeback Biotherapeutics con sede a Miami in Florida, verrà prodotto da 27 aziende specializzate a un prezzo contenuto che permetterà la fornitura a 105 Paesi in via di sviluppo.

I termini dell’accordo

Tredici di queste 27 aziende potranno produrre sia le materie prime necessarie per la sintesi di molnupiravir sia il farmaco finito e pronto per la consegna, cinque produrranno invece solo gli ingredienti grezzi e 9 il medicamento finito ma non i suoi precursori. Le società sono localizzate in 11 Nazioni: Bangladesh, Cina, Egitto/Giordania, India, Indonesia, Kenya, Pakistan, Sud Africa, Corea del Sud e Vietnam.

Per poter essere inserite nell’accordo, le pharma coinvolte hanno dovuto dimostrare di essere all’altezza dei requisiti di qualità richiesti a livello internazionale e valutati unicamente dal Medicines Patent Pool che ha deciso in modo esclusivo e indipendente.

MSD, Ridgeback Biotherapeutics e Emory University, l’ateneo presso il quale è nato molnupiravir, non riceveranno royalties dalle vendite del medicamento antivirale realizzate dalle aziende produttrici.

Charles Gore, direttore esecutivo del MPP, ha dichiarato: “Questo è un passo fondamentale per garantire l’accesso globale a un trattamento urgente contro COVID-19 e siamo fiduciosi del fatto che i trattamenti previsti saranno rapidamente disponibili nei Paesi a basso e medio reddito. I produttori stanno infatti lavorando a stretto contatto con le autorità di regolamentazione”.

Anche Paul Schaper, Direttore Esecutivo, Global Public Policy, MSD, ha commentato l’accordo e ha dichiarato: “Siamo lieti di vedere questa visione prendere vita con una forte diversità geografica delle aziende di produzione di generici selezionate da MPP”.